sabato 29 maggio 2010

Porta di Roma 10K Race - Runnersnight


Nella mia ancor breve esperienza podistica mi è capitato di correre in svariati posti, alcuni insoliti. Ma mai come ieri notte, fra i parcheggi di un centro commerciale, insieme ad altri mille corridori, mai...


Era da un po' ormai che l'aspettavo questa gara: il fatto di essere in notturna mi incuriosiva molto, non avevo mai partecipato ad una gara che non fosse di mattina ed inoltre mi incuriosiva anche l'ambientazione: la partenza della corsa era in cima al Centro Commerciale Porta di Roma, un mega complesso di negozi che incarna appieno i giorni d'oggi, dove il consumismo sfrenato che ci ha accompagnato per tanti anni, ora sta chiedendo il conto a tutti noi.

Lo speaker parla di più di mille partecipanti, anche se poi al traguardo ne arriveremo pochi più di novecento. Fatto sta che per essere le dieci di sera, c'è veramente tanta gente e l'atmosfera è gioiosa e di festa.


Ho convinto Massimo a partecipare alla gara all'ultimo momento: non sapeva che ci fosse questa gara e quando gliene ho parlato si è subito attivato per parteciparci. Siamo così arrivati insieme sul posto e abbiamo fatto i soliti giretti, per gustarci l'atmosfera che si respira in queste gare.

Cominciamo a fare un po' di riscaldamento e ci mettiamo d'accordo sull'andatura da tenere. Lui vorrebbe farmi battere il mio PB, anzi vorrebbe farmi fare i 50', ma io non me la sento stasera, dopo che fino a poche ore fa avevo le gambe a pezzi.

Il tempo di attendere lo sparo a salve e via. Si parte veloce, molto veloce per me, cercando di stare dietro a Massimo. Riesco a districarmi tra le tante persone presenti e vado a chiudere i primi due chilometri in dieci minuti (che sia il PB sui 2 Km? forse si...). Nei primi chilometri della gara passiamo più volte sotto i parcheggi del Centro Commerciale e in questi tratti il mio Garmin perde il collegamento col satellite. Tuttavia, aggiornando i giri manualmente riesco a tener traccia dei tempi.

Mi sgancio molto presto da Massimo, alla prima rotonda infatti la gente è tanta e la distanza tra me e il mio compagno di gara si allunga. Poco importa, sapevo che non potevo stargli dietro. Imposto così la mia gara in modo da ricalcare l'allenamento sfumato martedì. Progressione partendo da 5'40" (4 Km) per passare a 5'30" (3 Km) e concludere con 5'20" (ultimi 3 Km). Tuttavia il continuo saliscendi nella seconda parte della gara, mi ha portato a far misurare dei tempi leggermente superiori, in particolare il 7° chilometro, fatto tutto in salita e quindi il più lento di tutti, fatto a 5'49". Gli altri chilometri sono riuscito a tenerli vicini ai 5'30" ed ho chiuso l'ultimo chilometro a 5'27". In definitiva, anche se con i tempi non sono stato molto preciso, l'impegno profuso durante la gara è stato in lento progresso (a parte i primi due chilometri chiaramente), come prevedeva l'allenamento, sarà sufficiente questo a dire che sia stato un buon allenamento? Per me lo è stato sicuramente, anche perchè ho avuto una buona conferma sui tratti in salita: grazie agli sprint fatti le settimane scorse, ora affronto i tratti in pendenza con più forza, sento le gambe che rispondono bene.

Verso la metà del nono chilometro, in lontananza si sente la voce dello speaker e l'adrenalina sale: faccio un ultimo sforzo e chiudo con un piccolo sprint. Il tempo è di 55 minuti, un tempo non eccezionale (il mio PB è di 53'23"), ma considerando le salite e le tante curve del percorso non posso essere del tutto scontento. La cosa che invece mi delude un po', è che i 50' per 10 chilometri mi sembrano ancora molto lontani e questo oggi per me è un po' frustrante: domani cercherò di farlo diventare uno stimolo a migliorare.



La cosa bella della gara è stato il tifo. Pur essendo passate le 22.30, c'era un po' di gente per strada e molti di questi incitavano calorasamente al nostro passaggio. Probabilmente ai loro occhi dovevamo sembrare un po' degli extra terrestri (o dei matti) e forse non avevano tutti i torti! Il percorso ben illuminato ed un'organizzazione all'altezza della situazione hanno completato una gara che a me è piaciuta, forse qualcuno avrà da ridire sul percorso, ma sinceramente, correre tra i parcheggi del Centro Commerciale insieme a tutta quella gente, mi ha dato un senso di gioia che raramente ho avuto così forte nelle altre corse.

Una volta finito di ristorarmi, raggiungo Massimo al parcheggio dell'auto che nel frattempo si stava cambiando, dopo aver chiuso la gara in 48': considerando la sua forma per nulla brillante, un buon risultato. Il suo entusiasmo finale per la gara mi fa sentire ancora meglio. Non c'è niente da fare: le gare sono sempre una collezione di belle sensazioni!


Garmin Connect - Dettagli della mia gara Porta di Roma 10K Race - Runnersnight


10 commenti:

  1. dai che i 5 al km non sono un miraggio...poi se ti ricordi anche lo speaker ha detto che ieri non si poteva fare il PB!!! ci saranno oltre occasioni...cmq l'allenamento paga sempre!!! Claudio Clementi

    RispondiElimina
  2. Ieri sera c'era poco da fare ,bella l'atmosfera e tutto sommato anche il percorso abbastanza impegnativo ma credo che l'umidita abbia condizionato tutti,io non riuscivo a spezzare il fiato e la mia gara è comunque terminata a 300 mt dal traguardo (ero intorno ai 48')per soccorrere il mio amico preso da conati di vomito con cui una volta ripresosi abbiamo (camminando)tagliato il traguardo insieme .
    Complimenti per la tua gara ma ieri non si poteva fare di più.

    RispondiElimina
  3. @Claudio Clementi - Io li ho come obiettivo per quest'anno. Se ci riesco sarò contentissimo, altrimenti slitta all'anno prossimo ;)

    @MaxRunner - Grazie Max, in effetti si sudava tantissimo anche... mi dispiace per il tuo amico che ha finito così la gara (aveva cenato con la coda alla vaccinara :)). Sei stato bravo ad aiutare il tuo amico ;)

    RispondiElimina
  4. @Marco- La coda no ma pizza e melone non sono molto digeribili.
    L'avresti fatto anche tu per un amico.

    RispondiElimina
  5. L'importante e' che ti sei divertito...
    Quella non era la gara per fare il PB : ora, percorso, temperatura non davano chance...
    Se vuoi migliorare devi inserire nel tuo allenamento delle ripetute corte e veloci... le fai ?!
    Altrimenti non si scappa.. e' matematica...!!

    RispondiElimina
  6. @MaxRunner - In effetti la pizza e ancora peggio il melone... sono un po' indigesti ;)

    @Marco Bucci - Le ripetute sono una delle uscite che faccio settimanalmente. Vuol dire che le farò con più impegno!!

    RispondiElimina
  7. Vai Marco. Per fare i 5 min/Km fatti un bel po' di ripetute medio corte (200 - 400 - 800 - 1000 metri)

    Ci arrivi in un attimo. Solo questione di pazientare

    RispondiElimina
  8. @squonimo - sull'attimo sono un po' dubbioso, sono però una persona paziente (a volta anche troppo...) e quindi già so che prima o poi la soglia la batterò giù!!!

    RispondiElimina
  9. Bravo a completare la gara con quel tempo, tieni duro durante l'estate e non mollare, in autunno raccoglierai i frutti con gli interessi. ;-)
    Ha ragione il coach, ripetute corte e veloci ora sono la chiave. ;-)

    RispondiElimina
  10. @MFM - Senza dubbio, diamo sicuramente ragione al coach ;) Il problema è che ora la tabella prevede ripetute un medie lunghe... Vedremo di farci entrare anche queste ;)

    RispondiElimina